Intenzioni e celebrazioni particolari

I Sacramenti

Lettera di don Piercarlo alle persone che curano le strutture parrocchiali

Carissimi volontari che prendete a cuore i servizi umili delle chiese e delle strutture parrocchiali di tutta la comunità pastorale,

il mio grazie e apprezzamento per quello che fate. Il servizio che prestate con grande dedizione e disponibilità, nel rendere sempre accoglienti e pulite gli ambienti dove ci si trova per gli incontri che accompagnano la nostra crescita umana e cristiana, è veramente lodevole.

Sinceramente è bello trovare luoghi puliti, dove non tanto si firmano contratti con le agenzie, ma dove il volontariato è presente e si fa vedere; dove ci sono persone, come voi, che riservate alcune ore della settimana per prestare un servizio umile, ma prezioso agli occhi di Dio.

In questi giorni molto “strani” trovo il tempo per pensare a tutti, per ringraziare, per incoraggiare nella preghiera a un futuro migliore. Mi fa molto piacere sentire la vostra voce al telefono in questi giorni, dove manifestate la preoccupazione, ma mi fate sentire che la parrocchia vi manca: manca la S. Messa, mancano i fedeli, manca la comunità, manca il vostro servizio. Ecco perché non posso concludere questa giornata senza un pensiero di gratitudine.

Guardate che voi ci aiutate a vivere come Gesù. Egli per farci capire la qualità e lo spessore del suo amore, si è chinato a lavare, asciugare e baciare i piedi ai suoi discepoli. Anche voi, con il vostro servizio, ci aiutate a celebrare l’amore di Dio. Il Signore non guarda ai titoli di studio che uno ha, alla sua posizione sociale, ma il Signore guarda al cuore dei suoi figli. La testimonianza che offrite è questa: come Gesù aiutate me e la comunità a gettare sempre sguardi di umiltà, di semplicità sul mondo che ha bisogno di questi valori, di queste esperienze di servizio e di generosità.

Grazie di cuore per tutto! Il vostro servizio, vi aspetta. Sappiate però, che nella mia preghiera, ogni giorno c’è posto anche per voi.

Un abbraccio! Don Piercarlo

Comments are closed.